giovedì 23 giugno 2011

Volontari per un giorno

image courtesy
Caso mai qualcuno avesse dimenticato che il 2011 è l’anno europeo del volontariato, a Milano lo ricordano i tram su molti dei quali campeggia una pubblicità che invita  a essere “Volontari per un giorno”.
La campagna, che  promuove un progetto voluto da Ciessevi, Forum Terzo Settore, Sodalitas, Fondazione Università IULM e CSR, è rivolta  a singoli cittadini, a imprese, alle  [...]


onlus che si dichiarano disposte ad accogliere i volontari, insomma vuole puntare un faro su un’attività che, forse, a volte può sembrare troppo difficile, impegnativa, coinvolgente.
Fare del volontariato in situazioni difficili, occuparsi di persone in gravi difficoltà fisiche o psichiche richiede indubbiamente una forte determinazione, una precisa volontà e idee chiare sull’impegno  che viene richiesto.  E infatti le associazioni attive in varie forme di assistenza alle persone - e tra queste Seneca - organizzano corsi di formazione, di  base e di aggiornamento, mettono i volontari in contatto con psicologi e assistenti sociali, li seguono nella loro attività, consigliano e verificano. Ora la novità: si può provare senza timore, sperimentare,  decidere poi con cognizione di causa se fare volontariato in modo continuativo oppure no.
Sempre a Milano, un’altra organizzazione, MilanoAltruista, propone di provare a rendersi  utili in vari ambiti, dall’assistenza a giovani o stranieri, alla cura degli animali o dell’ambiente. Tra le possibilità offerte da Milano altruista c’è anche quella di collaborare con Seneca, aiutando per piccole commissioni  anziani rimasti soli  in città nei mesi di luglio e agosto. Poi chissà, magari da cosa nasce cosa, e chi ha provato a occuparsi degli altri sente il desiderio di continuare, di trasformare l’impegno di un giorno in un impegno più duraturo.
Red

10 commenti:

mr.Hyde ha detto...

L'iniziativa dell'aiuto agli anziani nei mesi estivi è di fondamentale importanza: molto di loro non sono in grado di pagarsela, la vacanza, .. molti altri fisicamente non sono in grado ed in questo periodo sono anche più soggetti a star male per il forte caldo..Se, in più, si aggiunge la depressione, la stanchezza, la solitudine, l' avere qualcuno che si prenda cura di loro, li risolleva tantissimo..Viva Seneca.

Angelica ha detto...

Ma che bella idea, magari provo anch'io, a volte non si ha il coraggio di tentare vie nuove...

ॐ Ele ॐ ha detto...

Brutta storia...
Triste...troppo triste.Io non riuscirei mai a fare una simile cosa...sono una frana.
Un salutino...a presto.

Gabe ha detto...

una iniziativa lodevole,un bravo ai volontari,un caloroso saluto a tutti

Dual ha detto...

Un felice w.e.
Gio'

Adriana ha detto...

Che bella iniziativa!

Erika ha detto...

Ottima iniziativa. Ma solo a Milano?
Ciaooo

PiliMªPILAR ha detto...

Es apasionante el mundo del voluntariado: Sea en actividad con los llamados 'mayores', o con el colectivo de los llamados 'discapacitados', como es mi caso particular.
Hoy en día más que nunca se hace necesaria la presencia del voluntariado en la sociedad.

P & M ha detto...

... dalle nostre parti se lo sono dimenticato che è l'anno del volontariato...peccato che siete a Milano! In bocca a lupo e se siete da quelle parti collaborate.... è sicuramente una bella iniziativa, che può dare sicuramente un buon ritorno non economico ma morale!!!

Sandra M. ha detto...

Molto utile. Un modo per andare incontro a chi "vorrei-ma-non-so-come-fare".Sulla generosità disinteressata del volontariato si regge gran parte dell'assistenza a chi ha bisogno!!!
Sandra

Iscriviti a Feed Burner