sabato 23 febbraio 2013

Anziani sì, ma in allegria

Un momento della recita
E’ festa in Via Ponale, periferia Nord di Milano: per stare tra amici, vecchi e nuovi,  nella sala, sede abituale degli incontri settimanali del gruppo di socializzazione Seneca. L’occasione è una recita, un piccolo spettacolo allestito per divertirsi,  e, perché no, mettersi anche un po’ alla prova. Il gruppo, del quale fanno parte, con alcuni abitanti del quartiere, le custodi sociali Natalia e Daniela e i volontari Seneca Delfina, Marcello e Sandra, ha inteso dare anche ad
altri la prova di quello che fa, cioè cantare, giocare, scherzare, senza pretese di perfezione o di grande qualità.
E così si è cantato in coro, vecchie canzoni che parlano di amore, di baci rubati nella notte, di passioni e segreti. Con le canzoni, una bella poesia dedicata a tutte le donne. Oltre ai canti e alla poesia, ci sono stati anche due brevi pezzi di teatro, la storia di un signore che, nel tentativo di scoprire chi disturba le sue notti con musica ad alto volume, scopre invece molte altre cose che avrebbe preferito non sapere, e il dialogo tra un bancomat e la signora che lo sta usando. Tra gli attori anche Marcello che, sulla base della propria  esperienza di attore e di organizzatore teatrale, ha anche diretto e guidato i “nuovi” attori. “Io personalmente - afferma Marcello -  oltre ad essermi divertito, posso dire di aver messo tanto impegno nel preparare la parte teatrale. Impegno ripagato dai consensi e dai sorrisi di quelle persone non più giovani che hanno condiviso questo momento di aggregazione in allegria e spensieratezza.”
E poi, sulla scia degli applausi, altri canti  hanno coinvolto anche il pubblico: un pomeriggio sereno e allegro, la prova che i  capelli bianchi possono portare ancora gioia di vivere e  voglia di fare nuove esperienze.
Red


12 commenti:

Tomaso ha detto...

Bello questo post! è bello vedere e leggere simili manifestazioni. Dico forte!!!
EVVIVA GLI ANZIANI.
Tomaso

nella ha detto...

L'arte , il sorriso, il divertimento , non hanno età nè frontiere...
Molto bravi i miei più sentiti complimenti!

Erika ha detto...

Siete proprio unici. Complimenti!

Mirta - Luce nel cuore ha detto...

█▀█ █▀ █▀█░░ █▀█▀█ █▀▀▀▀░▄▀▀▄▀▀▄░
█▀▀ █▀ █▀▄░░║║ █║║ █▀▀▀░░▀▄───▄▀░
▀║║ ▀▀ ▀║▀░░║║ ▀║║ ▀▀▀▀▀░░░▀▄▀░░░
___$$$$$$_____$$$$$_________________$$$$
__$______$___$_____$_______________$$$$$$$
_$$__$$$__$$$__$$$__$_____________$$$$$$$$$_$$$$$
_$__$___$_$__$$$__$_$_____________$$$$$$$$$$$$$$$$$
_$_$__$_$_$_____$_$_$_____________$$$$$$$$$$$$___$$$
_$_$_$$_$_____$$$$$_$_____________$$$$$$$$$$$$$___$$
_$__$$_$__________$$______________$$$$$$$$$$$$$$__$$
__$________________$_______________$$$$$$$$$$$$$_$$$
___$$$_____________$_______________$$$$$$$$$$$$$$$$
____$_______________$______________$$$$$$$$$$$$$$$
____$______$$___$$__$_______________$$$$$$$$$$$$$
___$______$$_$_$$_$__$______________$$$$$$$$$$$
___$______$$$$_$$$___$_______________$$$$$$$$
___$$________________$_______________$$$$
__$$$$$_______$$$$___$_______________$
_$_____$_____$$__$$_$_$____________$$
$__$$$__$____$$$$$__$_$________$$$$
$_$___$__$________$$__$$$__$$$$
$_$___$____$$$$$_$_$___$$$$$
$_$___$_____$___$___$_$___$
$_$___$____$__$$_$__$$__$__$
_$_$$$__$_$__$__$_$__$_$_$_$
_$_____$__$_$___$_$__$_$_$_$
__$$$$$___$_$____$_$_$_$_$_$
___$______$_$____$_$_$_$_$_$
___$_______$_$__$__$_$__$__$
____$$______$$$$__$_$$$___$
______$$$$$$$$$$$$_____$$$ Buona Domenica!!!

Tiziano ha detto...

Quelli che anno i capelli grigi sono ancora
le collone portanti della società, poter stare
in compagnia e se possibile far anche quattro
risate e la miglior medicina che
ci sia, complimenti a tutto lo staff
siete fantastici peccato che abiti troppo lontano
ciao buona domenica.

civettacanterina ha detto...

Bellissima, Ambra, questa iniziativa di amicizia e solidarietà reciproca

Soffio ha detto...

mi ricordi il film Quartet ora nelle sale

gattonero ha detto...

Niente di nuovo sotto il sole... anzi, veramente, sotto la pioggia, che qui da me è pure mista a terra, lo vedo sulle macchine.
La socialità con gli anziani, quando sono attivamente vivi e vegeti, è sempre piacevole, adulti che ogni tanto riescono a tornare bambini, divertendosi e divertendo.
Più duro, ma solo agli inizi, è l'impatto con anziani/e nei quali non è la vecchiaia ad essere malattia, ma la malattia vera, quella che alletta o mette in carrozzina o obbliga a fare lenti passi appoggiati a un girello.
Qui non c'è Seneca, non c'è volontariato assistenziale; ci sono infermiere, OSS, addetti alle pulizie, cucinieri, psicologhe...
Tutta gente continuamente in movimento, che offre battute e sorrisi e baci e abbracci a ogni pie' sospinto, per ricevere in risposta, non sempre, uno stanco sorriso, un gesto di saluto con la mano anchilosata...
Si ride, oltre che sorridere, sul diabete mal comune, sui lati B delle ragazze in passaggio veloce, sui pasti insipidi e sui ricordi di mangiate stratosferiche del passato, c'è la gara della raccolta di baci ("io cento, tu solo dieci").
Non si parla di guarigione, non si parla di futuro, ma di questa e di quello si sghignazza, senza remore...
E si canta, bastano poche note di una vecchia canzone per lanciare un coro in cui solo gli acuti fanno stecca.
Adesso è in corso d'uso "Eternamente" di Nicola di Bari, mi pare del '68 o dintorni: la sappiamo ormai talmente bene che avremmo successo anche a Talent di canale 5.
Come sovente accade, questo commento col post c'entra come le salsicce a colazione, ma mi ha intrigato e l'ho battuto.
E adesso vado a votare, anche a nome di chi non lo può fare, e nel pomeriggio racconterò la vita del seggio a chi di queste votazioni se ne fa, giustificatamente, un baffo.
Ciao.

Luigi ha detto...

sai che anch'io una volta ho messo in piedi un pezzo di una commedia di Eduardo in un centro per anziani, recitata da loro: è stato faticoso perchè non pensavo di riuscire a farcela; alla fine però è andato tutto bene!!!
Buona domenica

Antonella Leone ha detto...

Red complimenti per questo bellissimo articolo, il messaggio che c'è alla base è bellissimo :)

Sandra M. ha detto...

Credo che il teatro sia una "terapia" salvavita, per tutti e per tutte le età, già come spettatori. Esserne poi coinvolti in prima persona è davvero meraviglioso. A una certa età ancora di più. BRAVI!

Blogaventura ha detto...

Quando si coniugano impegno e divertimento il risultato è sempre un successo. Un abbraccio, Fabio

Iscriviti a Feed Burner