domenica 11 novembre 2012

La carota

courtesy
Ho trovato fantastiche queste considerazioni tratte dal libro di Giulia Niccolai, "Frisbees della vecchiaia" .

Ricordo che in passato
le amiche e gli amici miei coetanei
- o comunque della mia generazione -
mi parlavano spesso dei loro successi:
il lavoro a gonfie vele, i figli
impeccabili e perfetti, la seconda auto
appena comprata, la villa al mare
o in montagna restaurata da poco.
(Tutti tesi a raggiungere le vette più alte). [...]
Me ne sono resa conto perché
dopo che noi tutti abbiamo
superato i cinquanta, gli stessi
amici mi riferiscono solo guai,
problemi, malattie, depressioni,
delusioni ed insuccessi. I tempi,
certo, sono cambiati, ma direi
coprattutto che il traguardo
dei cinquanta cela - per molti -
una brutta sorpresa: l'inizio
della fine di tutte le illusioni
(Tutti giù per la scarpata, rotoloni?)
*
Così è come se fino ai cinquanta
la vita venisse tutta spesa a ottenere
e realizzare qualcosa (qualsiasi
cosa - penso alla carota appena
davanti al muso dell'asino o del
cavallo per indurlo ad andare
e andare. Ai cinquanta la carota
ci vien tolta.
*
Per adare, si va avanti lo stesso
ma si è rosi da un dubbio,
un'incertezza: possibile
che la vita fosse solo una carota?

Giulia Niccolai, Frisbees della vecchiaia, Campanotto Editore Poesia, Euro 10.

7 commenti:

Erika ha detto...

Anch'io mi ci ritrovo in queste considerazioni. Avrò perso la carota ?

Giovanna ha detto...

sai certe volte non riflettiamo abbastanza e leggendo queste parole mi rispecchio alla perfazzione buon inzzio settimana

gattonero ha detto...

Quella carota sparisce a chi, prima dei 'cinquanta', se l'è vista ballare davanti agli occhi, invitante e golosa. Tolta quella, a questi è come mancasse una bussola in un deserto che, in tempi di vacche grasse, di sogni via via appagati, avevano bellamente ignorato.
La più parte delle persone, prima dei cinquanta, davanti agli occhi ha visto ballonzolare solo una cipolla, il cui tipico effetto collaterale sono le lacrime.
Ecco, se quando suona il gong spartiacque della vita, si riesce ad afferrare finalmente questa cipolla ci si fa una frittata, le lacrime svaniscono e si può finalmente sorridere.
Vedi, coi tempi che corrono, chi ha inseguito indomito quella carota, dopo i cinquanta, ripeto 'oggi', c'è solo un posto dove rischia di trovarsela. E son dolori.
Ciao, buona settimana.

Luigi ha detto...

io credo che a 50 anni la crisi sia già superata: i problemi sorgono dai 40 in poi!!!

Tomaso ha detto...

Cara Ambra hai portato con un post in bel sorriso:) io che sono oltre i 80 nessun problema è rimasto! tutto è già stato superato.
Ciao e buona giornata cara amica.
Tomaso

Sandra M. ha detto...

Questa faccenda della carota mi intriga parecchio. Credo sia una considerazione molto azzeccata e, per quanto mi riguarda, la sparizione della carota si è fatta più consapevole dopo il pensionamento. Mi ci è voluto un po' per trovare ...altre carote da seguire. In alcuni periodi le trovo facilmente; in altri copn maggior fatica.

Lily Bets ha detto...

Ciao Ambra per favore mi dici che finestra si apre a cosa dice?Grazie.

Iscriviti a Feed Burner